DIETOLOGIA

ANORESSIA










ANORESSIA

COSA FARE

Un genitore non dovrebbe sottolineare troppo spesso l'importanza della linea, per non rischiare d'indurre la figlia a ricorrere a drastiche diete.

Verificare se dietro le troppe ore passate in palestra non vi sia l'ansia di diventare molto magri.

Se una ragazza sale sulla bilancia più volte in un giorno, è probabile che il meccanismo ossessivo del controllo sia scattato.

Ritenere un importante campanello d'allarme il fatto che la ragazza consideri le sue gambe troppo grasse.

Il rifiuto sistematico di alcuni alimenti e le bugie su quanto si mangia sono segnali da non sottovalutare.

Osservare se la ragazza passa ore davanti allo specchio senza trovare un abito che le piaccia (solo perché disprezza il suo corpo).

Possono apparire preoccupanti anche lo studio eccessivo e la tendenza a impegnarsi in mille attività intellettuali. L'anoressica non è mai rilassata.

Analizzare gli atteggiamenti provocatori che la ragazza assume: il rifiuto del cibo può diventare una forma di protesta contro una dipendenza (avvertita come eccessiva) nei confronti dei familiari.

 


 
» Alcuni dati
» Anoressia in pillole: i sintomi e le conseguenze
» Comportamenti a rischio
» Come nasce
» Come si sviluppa
» Le diverse fasi dell'anoressia
» Segni e prove
» Bulimia: una variante dell'anoressia
» Quali spiegazioni
» Il primo passo per affrontare il problema
» Cosa fare
» Sei step per affrontare il problema
» Regole utili per i familiari
» A chi rivolgersi
» Lista dei centri ospedalieri convenzionati con SSN